giovedì 26 aprile 2012

Un mondo a colori

In un precedente post: "l'identità negata", Giovanni Sarrocco esortava Salvatore Pandolfino a disegnare il mondo che lo circonda. Eccolo accontentato. 

Diamo colore al mondo di Salvatore Pandolfino

 Ricordo ancora il tempo in cui anch'io, vestito dalla sfrontatezza dei miei sedici anni, immaginavo di disegnare un mondo ideale. Platone, Moro, Campanella, Bacon e tutti gli altri "utopisti" apparivano ai miei occhi dei principianti rispetto a quanto pensavo di poter fare. Poi, gli stracci della consapevolezza inquinarono la nobiltà di quella immagine e come spesso accade è il mondo che disegna te rendendoti uno sconosciuto in cerca d'identità. Ancora oggi, passati i quaranta e con tanta "roba" alle spalle, ogni tanto mi chiedo ancora: chissà cosa farò da grande?........E questo mi consola.

Il mio pensiero corre inevitabilmente verso una canzone di uno dei miei gruppi preferiti, the Cure. Il pezzo è Spilt milk (latte versato) di cui allego link e traduzione. Buona lettura e buon ascolto. 
Rosario Ciotto
Latte versato
non penso che saprò mai se davvero lo voglio
potrebbe essere perchè non sono sicuro di averlo mai veramente avuto
e immagino che sia forse più facile non pensarci troppo...


una casa una macchina una famiglia e gli amici
già tutto inteso per dare un senso alle conclusioni


ma qualche volta... io mi domando...
nel retro della mia mente
qualche volta... io mi domando...
se sto sprecando tutto il mio tempo
qualche volta... io mi domando...
se sto rinviando la mia vera vita...


cosa potrei aver fatto, dove potrei esser stato
quando avrei dovuto andare,
perchè avrei dovuto vedere
chi avrei amato, come avrei sognato
e se è sempre sempre troppo tardi...


non penso che saprò mai di averlo
sempre avuto bisogno
potrebbe essere perchè non sono sicuro di averlo mai veramente provato
e penso che sia forse più facile immaginare che veramente lo intendevo...


una casa! una macchina! una famiglia e gli amici!
già tutto inteso per dare un senso alle conclusioni


ma qualche volta... io mi domando...

una ragazza! un sorriso! una vacanza e sesso!
già tutto quel che ci vuole per dar senso al resto


ma qualche volta... io mi domando...
nel retro della mia mente
qualche volta... io mi domando...
se sto ammazzando tutto il mio tempo
qualche volta... io mi domando...
se sto rinunciando alla mia vera vita...


cosa potrei aver fatto, dove potrei esser stato
quando avrei dovuto andare,
perchè avrei dovuto vedere
chi avrei amato, come avrei sognato
e se è sempre, sempre troppo tardi...


e ogni giorno che trascuro
è un giorno in più che non tenterò mai
di spaccare il mondo
di costruirmi il mio destino
e con ogni giorno che lascio passare
è un giorno in meno che non saprò mai
se è sempre
sempre troppo tardi...

12 commenti:

  1. Peccato che non riesco a leggere il tuo post. Ho problemi con questi magnifici occhi. Ci sono dei colori che non mi fanno mettere a fuoco..

    RispondiElimina
  2. Grandi, Cure! Si è vero: è il mondo che ci cambia, è la vita che ci cambia ma è anche vero che siamo noi a decidere, alla fine, o almeno, viviamo con questa illusione.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  3. Bravo Salvatore!!!...e bravo Rosario!

    RispondiElimina
  4. Latte versato... una sensazione angosciante. Mai troppo tardi per raccoglierlo, cominciando dalla prima goccia.

    RispondiElimina
  5. I tempi mitici dell'adolescenza, della giovinezza lasciano spesso spazio alle delusioni. Quello in cui credevi tenacemente non si avvera, non può avverarsi, la realtà è diversa ed è più forte di te e incide nel tuo cuore un cammino che non sapevi.
    Ma se riesci ad accettarla la realtà, a scoprirne le luci e non solo le ombre, allora riesci a vivere intensamente, anche se non è la vita che avresti voluto.

    RispondiElimina
  6. ciao bellissimo il tuo blog, son diventata tua follower, ti aspetto nel mio blog se ti va diventa mio follower cosi nn ci si perde di vista nella vasta rete^^
    ciao e a presto.

    RispondiElimina
  7. Belo post...Espectacular....
    Cumprimentos

    RispondiElimina
  8. Il bagaglio della speranza si alleggerisce man mano che viviamo...

    RispondiElimina
  9. grandissimo gruppo i the cure...
    concordo con mara sul bagaglio della speranza...
    buon weekend e a presto,
    marco

    RispondiElimina
  10. Ecco perchè devo riprendere a studiare l'inglese... mi perdo troppe perle.
    Grazie per il post, molto interessante!
    Dario
    www.italianoallestero.com

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina