mercoledì 6 aprile 2011

L'odore dei fiori recisi




La mia prima mattina d'estate non era ancora arrivata
e invece a me sembrava fosse già finita.
La primavera si, era passata
ed era forse il suo odore che mi faceva pensare
a tutti quei fiori recisi
che nella mia mente non appassiscono mai.
E' difficile vivere con un odore nella testa.
Si insinua, ti inebria
e ti filtra la realtà con un velo di ricordi
Passano solo le ombre... passano solo le ombre
ed io le guardo passare

Illustrazione e poesia di Rosario Ciotto

3 commenti:

  1. Caro Roscio, davvero bellissimi versi. Mentre si leggono sembra di sentire le sensazioni e gli odori. Spero che quell'amaro sul finale venga mitigato dal profumo che oltre inebriare, conduca verso la giusta strada.
    Rosy

    RispondiElimina
  2. L'immagine che accompagna i versi ne costituisce una perfetta cornice. Delicatissima e dalle splendide sfumature. Mi è piaciuta moltissimo.
    Roberta

    RispondiElimina
  3. Carissimo Rosario, ti ho fatto una sorpresa sul mio blog e ti ho inviato un'e-mail ma forse non l'hai ancora letta.

    http://parolenude.splinder.com/post/24509771/una-poesia-e-unillustrazione-di-rosario-ciotto

    RispondiElimina