martedì 8 gennaio 2013

Dell'uomo, del cielo, dell'anima

Rieccomi, dopo uno stop imposto da un epica rivolta delle mie dotazioni informatiche che accanitamente mi hanno precluso oltre al lavoro, anche il piacere di questi miei ludici spazi.
Vi propongo una trilogia di sintassi semantico/semiotica. Il "pezzo", in realtà è unico ma lo proporrò "in pillole" per renderlo meno pesante. 


Dell'uomo
Roscio, "dell'uomo" - 2006-  tecnica mista su tavola

Catturato da una trama abrasiva,
timbro costantemente, assieme ai mie simili,
la pretesa di vivere.
Le solite facce, clonate in sequenza, vagano per il mondo
lasciando come unico segno delle incognite impronte.
La vista, offuscata da un orizzonte sfocato, si perde in un mare di vite
 inchiodate dalle loro stesse paure.
I nostri nomi non si libereranno mai 
da quelle oscure consuetudini che ne hanno determinato l’oblio.....

Roscio, "dell'uomo" - 2006-  tecnica mista su tavola, PARTICOLARI




















                                                                                                             





















Rosario Ciotto

20 commenti:

  1. Eccomi di ritorno, ti lascio il mio augurio per un 2013 come tu lo vuoi.
    E quella rete di ragno che tiene prigioniero l'uomo, quelle facce tutte uguali, le lettere inchiodate, tutto parla di anonimato e sofferenza.

    RispondiElimina
  2. Una realtà pesante, la tristezza della consuetudine, avverto la sofferenza di far parte di una società che ti cataloga, ti scheda ti opprime in questa sua invadenza omologatrice.Bel lavoro, bel mix di parole e immagini con effetto scioccante Roscio.. mi piacerebbe sentirti piu' sereno!..

    RispondiElimina
  3. Che dire? Questo mosaico di impronte digitali, lettere e facce (di sangue?) incasellate mi ha semplicemente affascinato. Quale il vero segno, quale la vera traccia della nostra esistenza? E ne rimarrà, poi, qualcuna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nik,
      nel tuo commento sento odore di uno che ha letto "la macchia umana"!

      Elimina
  4. Caro Roscio se pensiamo veramente ci troviamo in un vero labirinto di ragnatele che difficile d'estrarsi.
    Ciao e buon anno 2013 sperando sia veramente buono.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Quando vedo queste opere...penso che sono un idiota ho sempre pensato di non saper disegnare un volto ! ahahhaah
    "pezzo semantico/semiota" Brrrrrrr se non lo avessi visto mi sarei fatta quasi impressionare visto il nome!

    Belli i versi, bello l'insieme.

    Hai colto nel segno siamo tutti ignoti schedati, così ignoti che spesso anche da soli facciamo fatica a riconoscerci.

    Ciao Rò

    RispondiElimina
  6. Beh sei unico ma non nella tua unicità ma nella tua espressione. Mi raccomando non diventarmi troppo ...magro.ciaoo

    RispondiElimina
  7. Quella rete tirata in modo non uniforme mi sembra davvero emblematica. Un'opera che fa riflettere.
    Buon 2013, speriamo siamo più sereno dell'anno appena trascorso.

    RispondiElimina
  8. Mi piacciono tutte quelle faccine uguali, monito al comune anelito all'uniformità,
    mi disturba la rete.
    p.s. la base cos'è, carta vetrata o pannello ricoperto di zucchero di canna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carta vetrata, abrasione pura. Ciao

      Elimina
  9. Sempre molto interessanti le tue opere..questa tua rete ci fa soffermare a riflettere..
    ma forse è una visione e rappresentazione un pò troppo pessimistica dell'uomo.
    Buona serata, Stefania

    RispondiElimina
  10. ma uffa avevo lasciato un commento sul quadro lungo due km (vabbè... ho un po' esagerato...) Ti chiedevo pure se quella trama fossero delle calze smagliate... :( dov'è???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, ho indagato e trovato il tuo commento sulla casella di posta elettronica (non capisco perchè non lo ha visualizzato). Lo riporto testualmente ringraziandoti affettuosamente e augurando anche a te un magnifico nuovo anno.

      "quella trama(è una calza smagliata???) sembra catturare tanti volti anonimi come pesciolini in una rete.
      ops... auguri! :P"

      Si è una calza smagliata che, ammaliatrice e un pò "zoccola" come la vita, ci cattura e alla fine ci spersonalizza omologandoci. Un abbraccio

      Elimina
  11. Faccio mio il commento del saggio Zio Scriba : mosaico di impronte digitali.
    Non saprei coniare definizione migliore.

    RispondiElimina
  12. Plastica corrispondenza di immagini e parole!

    RispondiElimina
  13. Ciao Rosario, le tue opere sono forti, intense, passionali, simboliche, originali, riflessive e tanto altro, ma non potranno mai essere pesanti, questa mi sembra un invito alla comunicazione, le lettere e le facce inespressive incasellate nella loro solitudine devono smagliare l'apatia per unirsi e formare un significato!

    Sorridente fine settimana!

    RispondiElimina
  14. ciao Roscio (Rosario?)
    una scoperta il tuo blog, molto suggestivo.
    E molto efficaci i versi che accompagnano le opere.
    un saluto
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Roscio e Rosario Ciotto sono la stessa persona. Con lo pseudonimo Roscio firmo i lavori di pittura e grafica, con il mio vero nome tutto il resto, così non mi confondo :). Grazie del passaggio e complimenti per le tue pagine dalle quali ripasserò certamente. Ciao

      Elimina